Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina

Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina
Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina
Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Zeolite Clinoptilolite e Spirulina – una combinazione vincente

 

Secondo le recenti ricerche, l’associazione di Zeolite Clinoptilolite attivata alla Spirulina ha mostrato una particolare efficacia nel trattamento di quasi tutti i tipi di allergia, da quella al nichel a quella ai pollini e graminacee.

L’ondata di allergie che sta colpendo le persone in quasi tutte le parti del pianeta sembra essere in costante aumento. Le cause le possiamo trovare innanzitutto nei vari tipi di inquinamento; da quello atmosferico ed ambientale, fino a quello alimentare a causa delle sostanze nocive presenti negli alimenti che ingeriamo quotidianamente, molte delle quali si vanno ad accumulare nell’organismo, creando scompensi e reazioni scatenanti.

 

Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina

 

L’allergia – un errore dell’organismo

 

L’allergia è una reazione “eccessiva” del nostro sistema immunitario nel momento in cui non riconosce una determinata sostanza e la ritiene non compatibile o nociva, innescando la produzione di specifici anticorpi di tipo IgE, scatenando l’infiammazione.

Le allergie si suddividono in due grandi categorie, quelle provocate da fattori ambientali e quelle alimentari. Ambedue a loro volta provocano, o contribuiscono a provocare, una grande varietà di disturbi secondari, come asma, bronchite, rinite, artrite reumatoide, dermatite, eczema, psoriasi e tantissimi altri.

 

Prof. Hecht e la ricerca sulla Zeolite

 

La ricerca sulla zeolite è stata condotta dal Dottor Karl Hecht, docente di neurofisiologia e professore emerito di fisiologia patologica clinica e sperimentale presso la Humboldt-Universität di Berlino. Il Prof. Hecht è l’autore di centinaia di articoli specialistici oltre ad una quarantina di saggi e libri scientifici.

La Zeolite è un minerale vulcanico con alte capacità di assorbimento delle sostanze tossiche e nocive dall’organismo, ed in particolar modo i metalli pesanti.

E’ riscontrato che i metalli pesanti sono responsabili di molte allergie, sia in modo diretto, come nel caso di allergia “a contatto” del nichel, che in modo indiretto, come nel caso di formaldeide.

 

Formaldeide, un inquinante con il quale è difficile non entrare in contatto

 

Formaldeide è un potente battericida, presente in gran parte dei disinfettanti per uso domestico. Viene utilizzato anche nella produzione dei vaccini, sia quelli basati su microrganismi uccisi, che per la stimolazione della produzione di anatossine (tossine batteriche private del potere tossico ma non di quello immunogeno). Inoltre, la formaldeide spesso viene usata anche come conservante alimentare (con la sigla E 240), oltre ad essere presente come additivo nelle vernici, solventi ed altri prodotti chimici e quelli per la casa.

 

Nell’ambiente altamente inquinato di oggi l’assunzione quotidiana di preparati di Zeolite naturale rappresenta la miglior protezione e il miglior mezzo per conservare la salute.

 

Esistono più di 100 tipi diversi di Zeolite in natura, ma la Clinoptilolite, i cui cristalli hanno struttura lamellare, a causa delle sue particolari proprietà, ha dimostrato negli anni di essere la più adatta per uso umano.

Le proprietà funzionali e regolatrici della Zeolite Clinoptilolite naturale non sono state riscontrate in nessun altro farmaco a nostra disposizione.  

La Zeolite, una volta assunta, attraversa l’intero tratto gastro-intestinale, passando dallo stomaco all’intestino, dove avviene uno scambio ionico sistemico di sostanze in modo non casuale, bensì regolatore per l’organismo. In pratica, vengono cedute le sostanze vitali contenute nella zeolite necessarie all’organismo, mentre le sostanze nocive, come veleni e metalli pesanti, si legano ai suoi cristalli, per poi essere espulse dal corpo con le feci. Infatti, è stato dimostrato che la zeolite, una volta ingerita, percorre unicamente il tratto gastro-intestinale e pertanto non coinvolge  nessun altro organo, come reni, fegato, pancreas, polmoni o cervello.

L’uso della zeolite non può causare il sovradosaggio; lo impedisce la funzione dello scambio ionico, in quanto tutto ciò di cui il corpo non ha bisogno viene espulso. Infatti, la zeolite viene completamente smaltita dall’organismo entro le 24 ore.

 

La Spirulina, un super-food per eccellenza

 

Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina

 

La Spirulina è una micro alga di acqua dolce di aspetto filamentoso e a spirale, che cresce in ambiente alcalino ed è una delle più antiche forme di vita del pianeta, oggi considerata un super-alimento.

Le alghe contengono un’ampia varietà di composti bioattivi poiché in mancanza di un sistema immunitario, hanno sviluppato un sistema di elaborata autodifesa “chimica” contro batteri, virus e funghi. Pertanto, essendo un immunomodulatore (sostanza in grado di variare e regolare l’attività del sistema immunitario), la Spirulina tende ad inibire le reazioni allergiche.

In particolar modo la Spirulina si è dimostrata molto efficace nei casi di  rinite allergica. Ne parla chiaramente uno studio  pubblicato nel National Library of Medicine del U.S. National Center for Biotechnology Information, ritenendo la Spirulina clinicamente efficace sulla rinite allergica, migliorandone significativamente i sintomi e i reperti fisici, tra cui secrezione nasale, starnuti, congestione nasale e prurito.

 

Il protocollo di cura del Prof. Hecht:

 

Il Prof. Hecht ha sperimentato per lungo tempo l’associazione di zeolite e spirulina e gli effetti che producono nei casi di diverse allergie, mettendo a punto un preciso protocollo di cura:

Adulti:

Unire 2,5 grammi di zeolite clinoptilolite in polvere e 2,5 grammi di spirulina in polvere (o in compresse), evitando l’uso delle posate o accessori in metallo.

Sciogliere le polveri in un bicchiere di acqua e bere due volte al giorno a distanza di 12 ore.

Nel caso di spirulina in compresse, assumerle insieme alla polvere di zeolite sospesa in acqua.

L’assunzione totale giornaliera dei due componenti deve corrispondere a 5 grammi di zeolite e 5 grammi di spirulina.

Bambini e ragazzi al di sotto dei 14 anni:

1,5 grammi di zeolite con 1,5 grammi di spirulina in un bicchiere d’acqua due volte al giorno (nel caso di comprese di spirulina assumerle insieme alla povere di zeolite sospesa in acqua).

Non è stata fatta la sperimentazione su soggetti con meno di 4 anni!

La soluzione va assunta ad almeno 30 minuti di distanza dai pasti.

Per tutta la durata del protocollo il Prof. Hecht consiglia di bere almeno 2 litri d’acqua distribuita nell’arco della giornata.

Nel caso di contemporanea assunzione di altri farmaci è opportuno interpellare il medico curante, onde evitare eventuali interazioni, poiché la Zeolite, oltre a ridurre gli effetti collaterali, talvolta potrebbe anche inibire gli effetti positivi dei farmaci stessi.

La durata della cura deve essere di 40 giorni, durante i quali non dovrebbe subire le interruzioni.

 

Come curare l’allergia con Zeolite e Spirulina

 

Oltre alla scomparsa dell’allergia, gli effetti positivi dall’assunzione di zeolite e spirulina sono tanti, dato che queste due sostanze naturali, usate da sempre per le loro proprietà benefiche sull’organismo, hanno un’azione molto vasta di pulizia e di nutrimento cellulare.

 

(foto di Jess Foami, Luisella Planeta Leoni, Anaïs CROUZET e Oberholster Venita da Pixabay)


Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Lana

Naturopata, studiosa di nutrizione ed appassionata di medicine naturali e terapie alternative, cerco di prendere in esame e valutare diverse notizie che arrivano da tutto il mondo riguardanti la scienza, la ricerca e nuovi traguardi in ambito della salute e del benessere psicofisico della persona. Il grande interesse per il mondo medico e di salute nasce con l’arrivo al mondo di mia figlia, una bimba meravigliosa, trasformandosi col tempo in un’autentica passione. Avendo sperimentato in diverse occasioni l’inefficacia ed, in alcune addirittura, la dannosità di alcuni medicinali somministrati di routine da molti medici, ho iniziato a percorrere la strada della ricerca verso il rimedio ottimale. Nulla togliendo alla scienza ed alla medicina scientifica, ho appurato che a volte la miglior risposta l’abbiamo davanti agli occhi; nella natura. Ed è da qui, che il fulcro delle mie teorie trova le fondamenta nell’acuta osservazione della natura e di tutti i suoi infiniti principi e processi. Applicando la ricerca e la scienza su questi principi, sono convinta, si otterrebbe l’abbinamento ideale; il rimedio perfetto. Come disse Ippocrate, il padre della medicina: “Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo. La natura è il medico delle malattie. Il medico deve solo seguirne gli insegnamenti.”

Potrebbero interessarti anche...

error: Content is protected !!