Virus – come rafforzare il sistema immunitario

virus e sistema immunitario
virus e sistema immunitario
Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

 
 
Il periodo invernale ogni anno ci espone a malanni di stagione. Dal semplice raffreddore alle infezioni causate dai virus, più o meno aggressivi, lo svolgersi della malattia dipende quasi esclusivamente dalla nostra reazione immunitaria. Pertanto rafforzare il nostro sistema immunitario, sia come misura preventiva, che nel caso di contagio da virus, è di primaria importanza.
 
È risaputo che la maggior parte dei virus non è sensibile alle cure antibiotiche e l’unico modo di tornare in salute è fargli fare il suo decorso, il quale dipende unicamente dall’efficienza del nostro sistema immunitario.
 

 

virus e sistema immunitario
 
 

L’importanza della dieta

 
La scelta di alimenti freschi di stagione in questo caso è di fondamentale importanza. Per raggiungere un buon apporto vitaminico è una buona regola inserire nella dieta gli alimenti freschi e consumarli preferibilmente crudi.
 
Può essere una buona regola iniziare ogni pasto con una gustosa insalata. Possiamo optare per una semplice lattuga, oppure arricchirla con una serie di sani e gustosi alimenti, creando un pasto completo e super nutriente. Infatti, mischiare diversi ingredienti freschi ci assicura un migliore apporto vitaminico, indispensabile per un buon funzionamento del sistema immunitario.
 
Le combinazioni a nostra disposizione sono praticamente infinite; lattuga, canasta, iceberg, songino, rucola, spinacino, carota, sedano, finocchio, cipolla, e perché non anche il cavolfiore tagliato a sottili listarelle, la verza, il peperone e funghi Champignon. Per completare l’aggiunta della frutta secca come noci, mandorle o pinoli, ed in fine una bella cosparsa di semi vari, come sesamo, lino, chia, zucca e girasole.
 
 

virus e sistema immunitario

 

Frutta di stagione

 

Per implementare ulteriormente il necessario apporto di vitamine e minerali ci viene incontro la frutta di stagione. La scelta è piuttosto vasta, ma è comunque una buona regola preferire tra prodotti di stagione e a chilometri non dico “zero”, ma almeno non proprio molto lontani. Possiamo optare tra arance, mandarini, pompelmi e limoni, ma anche mele, pere e varie bacche.    

 

Acqua e giusta idratazione

 

acqua e limone

 

Prestare molta attenzione alla quantità di acqua e di liquidi in generale è molto importante. Regolare l’assunzione dell’acqua, meglio ancora con l’aggiunta di succo di limone, rigorosamente senza zucchero; è indispensabile sia per assicurare la giusta idratazione del corpo, che per facilitare ed accelerare il deflusso delle scorie e tossine per la loro espulsione dal organismo.    

 

Digiuno programmato

 

È oramai risaputo il grande beneficio che può apportare al nostro organismo un breve periodo di digiuno. Osservando un più o meno prolungato periodo senza l’assunzione del cibo, il nostro organismo, essendo una macchina perfetta, per salvaguardare se stesso accelera tutti i processi atti alla propria rigenerazione. Pertanto, osservare periodicamente un periodo che può essere di una, due o più giornate di  digiuno completo innesca, tra le altre cose, anche il rinnovamento del sistema immunitario.

Contemporaneamente, durante il periodo di digiuno resta fondamentale una maggiore assunzione di acqua, anche con l’aggiunta di succo di limone, per i motivi precedentemente citati.    

 

Probiotici e cibi fermentati

 

verdure fermentate

 

È importante mantenere una flora batterica sana. Qui ci vengono in aiuto gli alimenti fermentati naturalmente come ad esempio i crauti ed altre verdure sottoposte al processo di fermentazione (per maggiori informazioni consultare “Verdure fermentate – la salute passa dall’intestino” e “Verdure fermentate – la ricetta semplice da fare in casa”.

 

Oltre agli ortaggi fermentati, in aiuto ci arrivano anche i fermenti lattici. È una buona abitudine consumare lo yogurt o kefir, il quale è anche possibile preparare in casa a base d’acqua per coloro che non tollerano bene il latte.  

 

Fitoterapia – aiuto dalla natura

 

La natura ci offre un’infinità di rimedi per permettere al nostro corpo di mantenersi in salute. Per migliorare il funzionamento del nostro sistema immunitario possono essere utili le tinture madri di Echinacea, di Rosa canina, una fonte di vitamina C per eccellenza, e di Ribes nigrum, con la sua azione antinfiammatoria. Sono tutte facilmente reperibili nelle farmacie ed erboristerie. Si possono utilizzare singolarmente, ma sarebbe ancora meglio in combinazione.    

 

Funghi medicinali

 

funghi medicinali

 

Tantissime ricerche hanno dimostrato l’efficacia che hanno diversi funghi medicinali per il buon funzionamento del sistema immunitario. A partire dai semplici Champignon, comunemente presente nelle frutterie e nei supermercati, con le loro proprietà benefiche potenzia l’azione delle cellule immunitarie che nel nostro organismo sono adibite alla difesa dagli agenti patogeni, fino ai meno conosciuti Reishi, Maitake, Cordyceps ed Agaricus, i quali, oltre ad essere facilmente reperibili nelle farmacie ed erboristerie, sono sempre più presenti anche freschi nei supermercati più forniti e negozi di sana alimentazione.  

Reishi promuove la risposta linfocitaria attivando la produzione delle cellule del sistema immunitario essenziali per riconoscere e distruggere cellule neoplastiche o infette da virus.  

Maitake interferisce  nel processo immunostimolante soprattutto nella risposta antinfiammatoria del organismo.  

Cordyceps rafforza il sistema immunitario con le sue proprietà antibatteriche e antivirali.  

Agaricus svolge una funzione immunostimolante e migliora le naturali difese dell’organismo.    

 

L’olio essenziale di Origano

 

Olio essenziale di Origano, un potente amico nella prevenzione dai virus e germi, è conosciuto già dall’antichità. La sua particolare efficacia la deve alla presenza di carvacrolo, un antivirale ed antimicrobico naturale, il quale inoltre gli conferisce il suo tipico aroma.  

Oltre ai vari modi d’uso suggeriti da Aromaterapia, nella cura e prevenzione dai virus, le ricerche suggeriscono l’uso interno, ma con una particolare attenzione sulla posologia e metodi di assunzione. È utile sapere che l’olio essenziale d’origano non andrebbe mai messo direttamente a contatto con la pelle e che nel caso di uso interno vanno rispettate  le dosi, i tempi ed i metodi di somministrazione.  

L’olio essenziale di origano andrebbe preso  ciclicamente per una durata di cinque giorni consecutivi. Per quanto riguarda la somministrazione, tra i vari metodi suggeriti, il più semplice è quello di versare 2/3 gocce di olio essenziale direttamente sotto la lingua, onde evitare il diretto contatto con le papille gustative a causa del suo sapore estremamente intenso, e ingerire con abbondante acqua.  

È importante sapere che in gravidanza ed allattamento, come anche nel caso di bambini piccoli, prima dell’uso è indispensabile consultare il medico, sia per evitare eventuali effetti negativi, che per stabilire il giusto dosaggio.    

 

Attività fisica ed esposizione alla luce del sole

 

Regolare svolgimento dell’attività fisica sollecita il rinnovamento cellulare. Già pochi esercizi svolti quotidianamente aiutano a mantenerci in forma. Ancora meglio una lunga camminata veloce nelle ore di sole alto (11 – 14 h) andrà non solo a stimolare il nostro metabolismo, ma attiverà la nascita delle nuove cellule ed anche la formazione della importantissima vitamina D, la quale presenza nel organismo non andrebbe mai sottovalutata.  

 

 

 

  (Foto di Foundry Co , silviaritaBruno /GermanyMouseMadeContentThanks for your Like • donations welcome da Pixabay)


Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Lana

Naturopata, studiosa di nutrizione ed appassionata di medicine naturali e terapie alternative, cerco di prendere in esame e valutare diverse notizie che arrivano da tutto il mondo riguardanti la scienza, la ricerca e nuovi traguardi in ambito della salute e del benessere psicofisico della persona. Il grande interesse per il mondo medico e di salute nasce con l’arrivo al mondo di mia figlia, una bimba meravigliosa, trasformandosi col tempo in un’autentica passione. Avendo sperimentato in diverse occasioni l’inefficacia ed, in alcune addirittura, la dannosità di alcuni medicinali somministrati di routine da molti medici, ho iniziato a percorrere la strada della ricerca verso il rimedio ottimale. Nulla togliendo alla scienza ed alla medicina scientifica, ho appurato che a volte la miglior risposta l’abbiamo davanti agli occhi; nella natura. Ed è da qui, che il fulcro delle mie teorie trova le fondamenta nell’acuta osservazione della natura e di tutti i suoi infiniti principi e processi. Applicando la ricerca e la scienza su questi principi, sono convinta, si otterrebbe l’abbinamento ideale; il rimedio perfetto. Come disse Ippocrate, il padre della medicina: “Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo. La natura è il medico delle malattie. Il medico deve solo seguirne gli insegnamenti.”

Potrebbero interessarti anche...

error: Content is protected !!