Broccolo e fagioli alla curcuma

Broccolo e fagioli alla curcuma
Broccolo e fagioli alla curcuma
Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Broccolo e fagioli è un piatto che in casa nostra viene preparato spesso, sia per il suo valore nutrizionale, e soprattutto quello proteico, sia per il gusto piacevole e senso di sazietà che produce. E’ un’ottima alternativa per chi addotta una dieta proteica, poiché sia i fagioli che i broccoli rientrano tra i vegetali a più alto contenuto di proteine, hanno poche calorie, sono molto sazianti e soddisfano il palato.

L’aggiunta di curcuma, potenziata da pepe nero, dona a questo piatto, oltre al sapore particolare, anche le molteplici proprietà  curative, influendo positivamente sia sulla nostra salute che sul buon umore.

La paprika, oltre a rifornirci di vitamine e minerali, produce gli effetti positivi sui vasi sanguigni e protegge il nostro cuore.

Occorrono pochissimi ingredienti per la preparazione, basta seguire la ricetta e prestare un po’ di attenzione durante la cottura. Se hai i fagioli già precedentemente cotti, o usi quelli in scatola, i tempi di preparazione saranno piuttosto brevi.

 

Broccolo e fagioli alla curcuma by LKF

 

Ingredienti:

1 broccolo romanesco (quello verde, per intenderci)

1 bustina di fagioli dall’occhio secchi (in alternativa anche quelli in scatola vanno bene lo stesso)

Olio EVO q.b.

1 cucchiaino di curcuma

1 cucchiaino di paprica dolce

Spolverata di pepe nero

Sale q.b.

Note: se usi i fagioli secchi, ricordati di metterli in ammollo la sera precedente con un cucchiaino di bicarbonato. Altrimenti, se vai di fretta, puoi tranquillamente usare quelli in barattolo, preferibilmente di vetro. Vanno benissimo i cannellini.

 

Procedimento:

Per la preparazione dei fagioli secchi, consiglio la classica cottura in acqua con l’aggiunta di sedano, cipolla, carota e qualche foglia di alloro.

Una volta cotti i fagioli, lavare il broccolo accuratamente, liberarlo dalle foglie e dividerlo in singole cimette, più o meno di stessa dimensione.  

Versarle in una padella antiaderente a sponde alte (il wok andrà bene), aggiungere inizialmente 1-2 cucchiai d’acqua e cuocere ben coperto a fuoco basso, controllandolo di tanto in tanto, fino a quando il broccolo non sarà ammorbidito.

Molte persone usano lessare le verdure in acqua prima delle preparazioni successive. Io personalmente, per salvaguardare più possibilmente le proprietà nutritive, prediligo la cottura dell’alimento a fuoco molto basso nel suo stesso vapore.

A questo punto aggiungere i fagioli e ricoprire il tutto con l’acqua della loro cottura.

Nel caso tu abbia usato i fagioli precotti, scolati e risciacquati, aggiungi soltanto l’acqua.

Porta in ebollizione e aggiusta di sale. Spegni appena inizia la bollitura e lascia riposare coperto per qualche minuto. A questo punto aggiungi la curcuma, paprica e pepe nero, amalgama bene e finisci con un cucchiaio di olio EVO.

Se la ricetta ti è stata utile fammelo sapere inserendo un commento ed anche l’eventuale foto del tuo piatto.

 

Broccolo e fagioli alla curcuma by LKF

 

(foto © lana.lkf scienzedellasalute.it)


Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Lana

Naturopata, studiosa di nutrizione ed appassionata di medicine naturali e terapie alternative, cerco di prendere in esame e valutare diverse notizie che arrivano da tutto il mondo riguardanti la scienza, la ricerca e nuovi traguardi in ambito della salute e del benessere psicofisico della persona. Il grande interesse per il mondo medico e di salute nasce con l’arrivo al mondo di mia figlia, una bimba meravigliosa, trasformandosi col tempo in un’autentica passione. Avendo sperimentato in diverse occasioni l’inefficacia ed, in alcune addirittura, la dannosità di alcuni medicinali somministrati di routine da molti medici, ho iniziato a percorrere la strada della ricerca verso il rimedio ottimale. Nulla togliendo alla scienza ed alla medicina scientifica, ho appurato che a volte la miglior risposta l’abbiamo davanti agli occhi; nella natura. Ed è da qui, che il fulcro delle mie teorie trova le fondamenta nell’acuta osservazione della natura e di tutti i suoi infiniti principi e processi. Applicando la ricerca e la scienza su questi principi, sono convinta, si otterrebbe l’abbinamento ideale; il rimedio perfetto. Come disse Ippocrate, il padre della medicina: “Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo. La natura è il medico delle malattie. Il medico deve solo seguirne gli insegnamenti.”

Potrebbero interessarti anche...

error: Content is protected !!