Gli zuccheri o carboidrati e la loro funzione

I zuccheri o carboidrati e la loro funzione
I zuccheri o carboidrati e la loro funzione
Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Oggi parlerò degli zuccheri o carboidrati, elementi fondamentali per una corretta funzionalità del nostro organismo. Quindi iniziamo subito dicendo che insieme ai grassi e proteine, i carboidrati sono la principale fonte di energia nella nostra dieta.

 

Il corpo ha bisogno di energia.

Abbiamo bisogno di energia per svolgere tutte le attività fisiche e mantenere importanti funzioni corporee, come i battiti del cuore, respirazione e altri processi chimici nelle cellule e nei tessuti. Inoltre, le fonti energetiche sono indispensabili nell’esercizio fisico; i carboidrati servono ai muscoli come principale propulsore.

Anche il cervello e il sistema nervoso fanno affidamento su un adeguato apporto di carboidrati per mantenere la concentrazione e la capacità di risposta.

I carboidrati fungono da fonte di energia immagazzinata nel glicogeno (nei muscoli e nel fegato) da cui è facilmente rilasciata e rapidamente fornisce al corpo energia sufficiente nel caso di sforzi fisici più intensi.

 

I carboidrati non sono nutrienti essenziali.

Il corpo umano può ottenere tutta l’energia necessaria anche da proteine e grassi, ma una dieta completamente priva di carboidrati può portare ad uno stato di chetosi, ovvero un metabolismo alterato degli acidi grassi dovuto alla formazione dei corpi chetonici, che per produrre energia induce il corpo a bruciare i grassi anziché i carboidrati.

Ricordiamo che 1 g di carboidrati nel cibo produce ca. 4 kcal (17 kJ) di energia.

Quanta energia e a quale velocità verrà rilasciata nel corpo dipende dalla complessità della struttura molecolare di alcuni carboidrati, in modo da distinguere zuccheri semplici da quelli complessi.

 

Possiamo riassumerli in tre categorie:

 

Monosaccaridi, come glucosio e fruttosio, sono zuccheri semplici. Il glucosio, il quale si trova in diversi alimenti di origine vegetale, dissolto nel sangue funge da fonte di energia pronta per tutti gli organi e muscoli, i quali la possono utilizzare direttamente. Il fruttosio si trova nella frutta e nel miele, ma, prima di poter essere utilizzato dalle cellule, deve essere trasformato dal fegato.

Il galattosio è lo zucchero del latte e, insieme al glucosio forma il lattosio. E’ la primaria fonte energetica soprattutto per i lattanti.

 

Disaccaridi sono i zuccheri composti da due monosaccaridi e richiedono una degradazione leggermente più complessa. Qui abbiamo il saccarosio (zucchero da cucina), il lattosio (zucchero del latte) e maltosio (zucchero nel malto).

 

Polisaccaridi sono i carboidrati complessi, costituiti da monosaccaridi collegati in una struttura molecolare polimerica, più pesanti da digerire, poiché prima devono essere scomposti in singoli monosaccaridi e spesso necessitano del trattamento termico per poter essere assunti dall’organismo.

Qui troviamo l’amido, il quale si trova soprattutto nei cereali, patate e legumi, la cellulosa, non digeribile dal corpo umano, ma con le sue fibre utile per il funzionamento intestinale, la pectina, utilizzata per la produzione di gelatine ed infine il glicogeno, le riserve energetiche che si trovano nel fegato e nei muscoli degli animali.

 

Come vengono metabolizzati all’interno dell’organismo.

Una volta trasformati in glucosio, i carboidrati inizialmente vanno a soddisfare la necessità energetica degli organi e dei muscoli. Il restante glucosio si va ad immagazzinare nelle riserve epatiche e muscolari sotto forma di glicogeno, e qualora le scorte di glicogeno siano sature, il resto viene trasformato in grasso e si deposita nei tessuti adiposi.

Pertanto è importante non eccedere nel loro consumo, per non generare una situazione che condurrà ad una condizione di sovrappeso e, in caso estremo, ad obesità, una malattia sempre più frequente soprattutto in occidente.

 

Per chi volesse approfondire anche altri nutrienti fondamentali per il nostro organismo può consultare i seguenti articoli:

Il cibo e le sue funzioni – alla ricerca degli alimenti migliori

I grassi o lipidi e la loro funzione

Le proteine e le loro funzioni

Le vitamine e le loro funzioni

I sali minerali e le loro funzioni

(Foto di Couleur da Pixabay)


Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
  •  

Lana

Naturopata, studiosa di nutrizione ed appassionata di medicine naturali e terapie alternative, cerco di prendere in esame e valutare diverse notizie che arrivano da tutto il mondo riguardanti la scienza, la ricerca e nuovi traguardi in ambito della salute e del benessere psicofisico della persona. Il grande interesse per il mondo medico e di salute nasce con l’arrivo al mondo di mia figlia, una bimba meravigliosa, trasformandosi col tempo in un’autentica passione. Avendo sperimentato in diverse occasioni l’inefficacia ed, in alcune addirittura, la dannosità di alcuni medicinali somministrati di routine da molti medici, ho iniziato a percorrere la strada della ricerca verso il rimedio ottimale. Nulla togliendo alla scienza ed alla medicina scientifica, ho appurato che a volte la miglior risposta l’abbiamo davanti agli occhi; nella natura. Ed è da qui, che il fulcro delle mie teorie trova le fondamenta nell’acuta osservazione della natura e di tutti i suoi infiniti principi e processi. Applicando la ricerca e la scienza su questi principi, sono convinta, si otterrebbe l’abbinamento ideale; il rimedio perfetto. Come disse Ippocrate, il padre della medicina: “Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo. La natura è il medico delle malattie. Il medico deve solo seguirne gli insegnamenti.”

Potrebbero interessarti anche...

error: Content is protected !!